CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTRODUZIONE

(L.Fatiga) – Durante la seconda settimana le sedute di allenamento a disposizione sono state tre, pi? la partita disputata nel sabato pomeriggio.

I giorno. In questa settimana si ? deciso di introdurre 10′ di corsa continua come riscaldamento, notato che i ragazzi avevano bisogno di aumentare la loro capacit? di resistenza, al termine dei quali si sono eseguiti degli esercizi di mobilit? articolare e di stretching. Alla fase di riscaldamento atletico ? seguito un riscaldamento tecnico, con particolare attenzione rivolta alla trasmissione della palla ed allo stop orientato. L’esercitazione si ? svolta su quadrati di 15 metri per 15 metri, ed ogni quadrato vedeva impegnati 8 giocatori (2 per ogni postazione); qua si sono svolti esercizi prima con il piede forte, poi con il piede debole, sia in direzione oraria che antioraria. Alla trasmissione del pallone il movimento senza palla che la seguiva ? sempre stato dietro lo stesso pallone.

Durante la prima apparizione stagionale si ? notata un’evidente lacuna nelle posizioni del corpo in campo durante la fase difensiva, per questo si ? proposta un’esercitazione senza palla in cui venivano curate queste. Per la precisione i ragazzi sono stati impegnati in un 11vs0 contro un ipotetico 4-3-3, svolgendo solo movimenti difensivi, per creare dei concetti di difesa collettiva, con lo spostamento di tutta la squadra, ed individuale, con la cura delle corrette posizioni del corpo.

Successivamente i ragazzi sono stati impegnati in una partita attacco contro difesa, che ha visto la difesa in inferiorit? numerica (portiere + quattro difensori + 1 centrocampista), contro 9 giocatori impegnati esclusivamente nella fase offensiva. A questa esercitazione ? seguita la partita 8 contro 8.

II giorno. I 10′ di corsa continua a inizio allenamento rappresentano ormai una certezza, seguiti da stretching e mobilit? articolare. A questa fase ? seguito un riscaldamento tecnico a coppie: nella fase iniziale di?questo si ? curato con un attenzione un aspetto, ovvero quello dei falli laterali, seguiti da esercizi sulla trasmissione della palla e lo stop.

I ragazzi hanno poi eseguito 2 serie di addominali da 2′, con un 1′ di recupero, poi 3 serie da 15 piegamenti sulle braccia.

E’ stato, in seguito, preparato un percorso di cambi di direzione (triangolo equilatero 15 metri per 15 metri), da eseguire palla al piede: questa esercitazione ha l’obiettivo di migliorare la conduzione del pallone con cambi di direzione, funzionali alla forza nel calcio.

Si ? nuovamente proposta una partita attacco contro difesa, come nel primo giorno, poi una partita normale.

III giorno. Questa giornata ha preceduto la seconda gara amichevole della stagione. Ai consueti 10′ di corsa continua, ha seguito un torello, durante il quale ogni 2′ il gruppo veniva fermato per effettuare esercizi di stretching e mobilit? articolare.

La prima parte dell’allenamento si ? conclusa con lo svolgimento di navette sui 10 metri palla al piede, alternate a ‘duelli’ sull’uno contro uno.

In questa giornata si sono aggregati al gruppo nuovi ragazzi, quindi per valutare anche la loro preparazione rispetto al gruppo si ? svolto un triangolare interno con squadra composte da 7 giocatori.

IV giorno. La seconda partita ? stata disputata in casa contro un altro gruppo di Giovanissimi Provinciali Fascia B, appartenente alla societ? Fiumicino. Nella prima frazione di gara la squadra si ? schierata con un 4-3-3, mentre nel secondo tempo con un 4-4-2; la partita ? terminata con un sono 0-4, con 2 reti subite per tempo. Tutte le reti subite, eccezion fatta per la seconda nata da un errore individuale, sono nate sugli sviluppi di calci d’angolo, aspetto non ancora toccato in allenamento.

Detto ci? bisogna riconoscere l’oggettiva superiorit? dell’avversario, decisamente pi? pronto sotto l’aspetto del giro palla, quindi pi? pericoloso in fase di possesso. Le note liete vengono dalla fase difensiva con la squadra schierata, le negative dalla cattiva gestione del possesso.

Anteprima articoloProposta per un gruppo di Giovanissimi Provinciali
Prossimo ArticoloLa condizione fisica nel calcio/1
Nato a Roma, l? 5 luglio 1988. Laurea in Scienze Motorie, conseguita nel marzo 2015, con la tesi "Il ginocchio varo e valgo nel calcio" Esperienze professionali da redattore:? Marzo-Settembre 2012: redattore presso Romagiallorossa.it Settembre 2012-Gennaio 2014: redattore presso GazzettaGialloRossa.it Settembre 2012-Aprile 2013: speaker radiofonico presso RadioPowerStation.com, trasmissione "Per questa maglia storica"? Aprile-Settembre 2013: caporedattore GazzettaAltriSport.it Esperienze professionali sportive:? 2007-2008: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso Tiber Nuoto 2008-2012: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso CSI Roma FlaminioAgosto-Novembre 2013: preparatore atletico ASD GiaDa Maccarese, serie D Agosto-Dicembre 2013: preparatore atletico ASD Cortina, serie C2 - calcio a 5 Gennaio-Maggio 2014: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, Promozione laziale Agosto 2014: preparatore atletico presso Polisportiva Borghesiana GiaDa Maccarese Settembre 2014-Maggio 2015: responsabile tecnico gruppo Esordienti (classe 2002) presso ASD Aurelia Antica Settembre 2015-Novembre 2015: responsabile tecnico gruppo Giovanissimi provinciali (classe 2002) presso ASD Sporting Tanas Settembre 2015 ad oggi: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, I categoria Ottobre 2015 ad oggi: responsabile tecnico Juniores regionale ASD Virtus Fenice<