Allenamento Stripping: Tecnica di Allenamento ad Alta intensità (prima parte)

Lo stripping è una tecnica di allenamento ad alta intensità utilizzata nel fitness e nel body building. Durante l’allenamento con sovraccarichi si può volontariamente giungere (spesso) al punto di cedimento muscolare concentrico, con l’obiettivo di esaurire le fibre che sono principalmente coinvolte nel movimento. Una volta che viene raggiunta questa soglia i muscoli non sono in grado di generare ulteriore forza con il carico utilizzato seguendo un ROM completo; tuttavia si può sfruttare l’intervento di fibre supplementari che non erano state reclutate in un primo momento. Si crede che ciò sia possibile, appunto, grazie a questa tecnica.

Secondo lo stripping, una volta raggiunto il cedimento con un determinato carico, si abbassa il carico per svolgere ulteriori ripetizioni per portare definitivamente a termine la serie, superando l’ostacolo rappresentato dal primo esaurimento. In genere in questa tecnica si toglie tra il 10 ed il 25% del peso.

Esistono diverse varianti, la più comune è il triple drop set, prevede lo scalare del carico per 2 volte, quindi si lavora con 3 carichi diversi in ordine decrescente. Ad esempio si possono eseguire 8 ripetizioni con un peso alto + 8 ripetizioni con un peso più basso del 10% + 8 ripetizioni con peso ancora inferiore di un ulteriore 10%, il tutto senza pause fino al termine della serie completa.

Alcuni autori sottolineano la possibilità di modificare la velocità di movimento in base all’intensità del lavoro o all’entità del carico. Nelle prime ripetizioni con carichi maggiori le ripetizioni possono essere più rapide, mentre il ritmo si abbassa con il progressivo abbassamento del carico. È dimostrato un aumento dello stress metabolico con le serie a scalare, aumenta lo stimolo ormonale anabolico, in particolare a carico del GH.

Nel double drop set (ovvero il caso in cui il peso viene scalato una sola volta, per esempio in un 8+8) è dimostrato l’aumento della sezione trasversale del muscolo.

Si tratta di una tecnica di allenamento consigliata agli atleti più esperti, perché secondo molti addetti ai lavori un principiante non potrebbe essere in grado di gestire una serie di allenamenti di questa intensità. Si tratta di un tipo di allenamento che ha la capacità di stressare notevolmente il sistema neuromuscolare, quindi è consigliata l’introduzione solo a fasi cicliche; addirittura potrebbe essere indicato limitarne l’uso ad alcune serie inserite all’interno di un microciclo.

Anteprima articoloCampionato Seria A 2018 2019 – Giornata 13 – Il punto di Alessio Grifantini
Prossimo ArticoloAnalisi sul calcio giovanile: intervista a Francesco Florio, fondatore della DF Academy
Nato a Roma, l? 5 luglio 1988. Laurea in Scienze Motorie, conseguita nel marzo 2015, con la tesi "Il ginocchio varo e valgo nel calcio" Esperienze professionali da redattore:? Marzo-Settembre 2012: redattore presso Romagiallorossa.it Settembre 2012-Gennaio 2014: redattore presso GazzettaGialloRossa.it Settembre 2012-Aprile 2013: speaker radiofonico presso RadioPowerStation.com, trasmissione "Per questa maglia storica"? Aprile-Settembre 2013: caporedattore GazzettaAltriSport.it Esperienze professionali sportive:? 2007-2008: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso Tiber Nuoto 2008-2012: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso CSI Roma FlaminioAgosto-Novembre 2013: preparatore atletico ASD GiaDa Maccarese, serie D Agosto-Dicembre 2013: preparatore atletico ASD Cortina, serie C2 - calcio a 5 Gennaio-Maggio 2014: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, Promozione laziale Agosto 2014: preparatore atletico presso Polisportiva Borghesiana GiaDa Maccarese Settembre 2014-Maggio 2015: responsabile tecnico gruppo Esordienti (classe 2002) presso ASD Aurelia Antica Settembre 2015-Novembre 2015: responsabile tecnico gruppo Giovanissimi provinciali (classe 2002) presso ASD Sporting Tanas Settembre 2015 ad oggi: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, I categoria Ottobre 2015 ad oggi: responsabile tecnico Juniores regionale ASD Virtus Fenice<

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome