TIPS (Metodo Ajax)

  • T ecnica (per valutare un ragazzo)
  • I nsight (spinta motivazionale)
  • P ersonality
  • S peed

La competenza (saper esprimere le abilit? in contesti reali) ? trasversale in un giocatore; ogni competenza ha in s? una componente tattica e tecnica.

Tattica (quanto si sceglie)/ tecnica (cosa fare, quale gesto fare)

Competenze individuali si dividono in offensive e difensive, e sono sempre abbinate all?interazione con un compagno di squadra.

 

Competenze offensive

  • smarcamento diretto
  • smarcamento combinato
  • finta prima della ricezione
  • ricezione della palla
  • difesa della palla [capacit? di frapporre il proprio corpo tra palla ed avversario]
  • conduzione della palla libera [fondamentale per poi arrivare al dribbling, importante utilizzo braccia da punto di vista coordinativo e per protezione/utilizzare varie parti del piede]
  • conduzione della palla con avversario
  • tiro
  • passaggio
  • rimessa laterale

[quelle sottolineate sono competenze offensive collettive]. Lo smarcamento combinato viene eseguito per favorire la ricezione di un compagno, quello diretto ? un movimento che faccio io per ricevere il passaggio.

[esempio Ibrahimovic, il suo movimento ? sempre uno smarcamento diretto, ma inevitabilmente favorisce anche lo smarcamento di un compagno, quindi diventa combinato]

Abbiamo diverse modalit? di smarcamento:

  • cambi di direzione [ricorda video Atalanta su cambi di direzione ?dalla finta al dribbling attraverso cambi di direzione?. Il 3% dei CD ha un angolo di 180?, il 97% inferiore a 90?]
  • cambi di ritmo
  • tagli
  • corse nella zona cieca (alle spalle dell?avversario)
  • corse in ampiezza
  • finta prima della ricezione

Devono sempre esser eseguite corse di qualit?, ovvero che permettano di mantenere il contatto visivo con il pallone.

 

Gli smarcamento semplici:

  • unidirezionali (corse verticali avanti e dietro, diagonali, ad L, ad U, con movimenti ad uscire dalla linea avversario porta)

Gli smarcamenti composti:

  • bidirezionali (corto-lungo, lungo-corto, dentro-fuori, fuori-dentro)

Smarcamento combinato, legato al movimento di un compagno.

 

 

Modalit? di ricezione:

  • controllare la palla rasoterra
  • controllare palla parabolica (smorzamento)
  • controllare in semibloccaggio o drop

Gestualit? di ricezione: controllo con coscia, petto o piede

 

Conduzione con avversario

  • finta (di corpo, di gambe o con palla). Con presenza avversario pu? essere di fronte, di spalle o di fianco
  • dribbling (superare avversario con azione individuale). Modalit?: frontale, laterale, dorsale. Tipologie: da fermo, in corsa.

 

Tiro; quando l?azione non termina con il tiro si parla di attacco negativo.

 

Passaggio:

  • appoggiato, sul piede o nello spazio
  • filtrante, nei corridoi dietro la linea o l?avversario
  • passante, nella parte cieca del difensore

Tipologie di passaggio:

  • su di un vertice, in profondit? o verticalizzazione
  • su di un sostegno, indietro o scarico
  • cambio di gioco, incrocio
  • giropalla, trasversale

 

Competenze difensive

 

  • posizionamento in copertura (intercettamento, raddoppi di duello)
  • marcamento (anticipo)
  • duelli

 

Posizionamento di copertura mette in relazione pi? giocatori. Intercettamento ? quando lavoro sulla traiettoria, raddoppio del duello quando vi ? un aiuto di un secondo giocatore durante un duello, che va a lavorare in copertura di traiettoria

 

Marcamento ? l?attuazione della marcatura su un avversario.

 

Duelli (contrasti), possono essere di spalle (con avversario di spalle al difendente), frontali (avversario fermo frontalmente), con avversario in movimento (temporeggiamento, contrasto frontale, laterale, scivolata), duello aereo.

 

La riconquista della palla si effettua con:

  • intercettamento (tramite posizionamento di copertura)
  • anticipo (attraverso un corretto marcamento)
  • contrasto (che permette di vincere un duello)

 

Neuroni a specchio cellule nervose deputate a svolgere funzioni cognitive del sistema motorio. Sono attivi sia in fase di osservazione che di esecuzione.

 

Domande da proporsi durante un esercizio per il gesto tecnico:

  • Chi?
  • Dove?
  • Quando?
  • Come?
  • Perch??

 

[Parlare di smarcamento del possessore di palla ? un controsenso; il possessore pu? liberarsi dalla palla e fare un movimento per favorire la chiusura del triangolo, in questo caso si tratta di una situazione di gioco]

 

Metodologia di allenamento

Analitico. Favorisce correzione del gesto tecnico. Vi ? una bassa organizzazione ed un?alta complessit?, perch? si richiede la precisione del gesto. Non si cerca la continuit?, ma la precisione di esecuzione.

Globale. Si sviluppano situazioni di gioco (partite a tema, giochi di posizione, possessi palla, partita libera). Il compito presenta alta organizzazione (vi ? rapporto con altri giocatori), bassa complessit?. Aiuta il giocatore a crearsi una propria esperienza, ?corregge? competenze ed abilit? (non correzione intesa come interruzione e conseguente spiegazione).

 

Se vengono date indicazioni parliamo di metodo induttivo, se viene lasciata libert? metodo deduttivo.

DE:

Pressing ? finalizzato al recupero della palla. Nel pressing la scalata in avanti si esegue per non lasciare spazio.

 

Collaborare ? con il compagno, in fase offensiva con i passaggi, in fase difensiva con coperture

Cooperare ? sviluppi di gioco che non prevedono superiorit? numerica (cambi del duello, non scalate di reparto]

 

 

Non proporre mai possessi palla neutri, bisogna creare dei riferimenti oltre a stabilire delle dimensioni; se non si orienta il campo ? difficile lavorare sulle transizioni.

Non confondere uno stile di gioco basato sul possesso con esercitazioni sul possesso palla.

Per dei buoni possessi sono 3 fondamentali:

  1. tecnico, passaggio forte e rasoterra
  2. tattico, capacit? di ricevere in zona luce
  3. tecnico, ricezione

Con Allievi e Giovanissimi posso ridurre spazi (meno di 80mq a giocatore).

Proporre possessi tattici con superiorit? numerica, per creare pi? linee di passaggio e favorire continuit? nel gioco.

Inferiorit? numerica in fase difensiva esalta la capacit? di organizzazione, l?aggressivit?, il tempo di intervento ed anticipazione.

Le migliori scuole europee propongono un?esercitazione di possesso palla a seduta.

Per favorire transizione, chi ? in possesso palla non si deve limitare a toccare palla, ma deve far ripartire l?azione.

Anteprima articoloCORSO PER OSSERVATORI DI CALCIO DREAMING FOOTBALL
Prossimo ArticoloLo smarcamento (VIDEO)
Nato a Roma, l? 5 luglio 1988. Laurea in Scienze Motorie, conseguita nel marzo 2015, con la tesi "Il ginocchio varo e valgo nel calcio" Esperienze professionali da redattore:? Marzo-Settembre 2012: redattore presso Romagiallorossa.it Settembre 2012-Gennaio 2014: redattore presso GazzettaGialloRossa.it Settembre 2012-Aprile 2013: speaker radiofonico presso RadioPowerStation.com, trasmissione "Per questa maglia storica"? Aprile-Settembre 2013: caporedattore GazzettaAltriSport.it Esperienze professionali sportive:? 2007-2008: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso Tiber Nuoto 2008-2012: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso CSI Roma FlaminioAgosto-Novembre 2013: preparatore atletico ASD GiaDa Maccarese, serie D Agosto-Dicembre 2013: preparatore atletico ASD Cortina, serie C2 - calcio a 5 Gennaio-Maggio 2014: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, Promozione laziale Agosto 2014: preparatore atletico presso Polisportiva Borghesiana GiaDa Maccarese Settembre 2014-Maggio 2015: responsabile tecnico gruppo Esordienti (classe 2002) presso ASD Aurelia Antica Settembre 2015-Novembre 2015: responsabile tecnico gruppo Giovanissimi provinciali (classe 2002) presso ASD Sporting Tanas Settembre 2015 ad oggi: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, I categoria Ottobre 2015 ad oggi: responsabile tecnico Juniores regionale ASD Virtus Fenice<