Mauro Icardi: Gol nel derby di Milano con Contromovimento

L’ultimo derby di Milano, datato domenica 21 ottobre 2018, è stato deciso dal goal di Mauro Icardi, realizzato praticamente allo scadere di una partita contraddistinta dal nervosismo degli interpreti. Fin qui tutto normale analizzando le statistiche degli ultimi derby giocati dall’argentino, capace di realizzare 5 reti nelle ultime 5 apparizioni contro gli avversari cittadini.

Ma la qualità della realizzazione del Capitano dell’Inter ha rubato l’occhio degli esperti: dalla postura del corpo durante lo sviluppo dell’azione al contromovimento utilizzato per smarcarsi all’interno dell’area di rigore per liberarsi dalla marcatura di Musacchio, sfruttando l’evidente errore di lettura della traiettoria di Donnarumma. Di seguito proviamo prima ad analizzare tutti i movimenti che hanno portato il bomber a segnare, poi anche a capire quali errori sono stati commessi da tutti i suoi diretti avversari.

I movimenti di Mauro Icardi

Sin dal principio dell’azione, che si sviluppa sulla catena di destra, si attacca al rispettivo marcatore, cercando di allungare la squadra e di spingere questo nella propria area di rigore. Nel momento in cui Candreva trasmette la palla verticalmente per premiare l’inserimento in banda di Vecino, la punta dell’Inter finta di attaccare il primo palo con i primi due passi, per poi cambiare direzione repentinamente dopo aver caricato sulla gamba destra. Questo movimento gli permette di staccarsi dalla marcatura per poi colpire di testa il pallone, pur saltando in controtempo, realizzando la rete decisiva per la vittoria finale. È da sottolineare anche l’orientamento del corpo, che per tutta la durata della partita è rimasto “aperto” sia verso il pallone che verso la porta avversaria.

Gli errori di Musacchio e Donnarumma

In una prima fase dell’azione il difensore del Milan accetta il duello fisico, concedendo l’appoggio a Icardi, commettendo i primi errori dell’azione: rimane piatto con il corpo verso l’avversario, dando le spalle alla propria porta. Poi nel momento in cui Vecino riceve il pallone rifiuta lo scontro fisico, tentando l’anticipo e qui commette un importante errore di valutazione della traiettoria, il che poi lo porta a scivolare goffamente. Contemporaneamente Donnarumma commette una serie di errori di valutazione che risultano fatali alla sua squadra. Nella fase iniziale dell’azione il portiere rimane troppo basso e per tutta la durata di questa si rifugia all’interno dell’area piccola. Nel momento in cui parte il cross non sembra dare “fiducia” alla traiettoria impressa da questo alla palla, valutandola erroneamente innocua; si lascia così scavalcare dalla stessa sfera, ed il resto della storia lo scrive Icardi.

Anteprima articoloJuventus, Inchiesta Report : La vera storia degli striscioni sulla strage di Superga
Prossimo ArticoloLezione di Total Body: Cos’è e Cosa aspettarci
Nato a Roma, l? 5 luglio 1988. Laurea in Scienze Motorie, conseguita nel marzo 2015, con la tesi "Il ginocchio varo e valgo nel calcio" Esperienze professionali da redattore:? Marzo-Settembre 2012: redattore presso Romagiallorossa.it Settembre 2012-Gennaio 2014: redattore presso GazzettaGialloRossa.it Settembre 2012-Aprile 2013: speaker radiofonico presso RadioPowerStation.com, trasmissione "Per questa maglia storica"? Aprile-Settembre 2013: caporedattore GazzettaAltriSport.it Esperienze professionali sportive:? 2007-2008: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso Tiber Nuoto 2008-2012: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso CSI Roma FlaminioAgosto-Novembre 2013: preparatore atletico ASD GiaDa Maccarese, serie D Agosto-Dicembre 2013: preparatore atletico ASD Cortina, serie C2 - calcio a 5 Gennaio-Maggio 2014: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, Promozione laziale Agosto 2014: preparatore atletico presso Polisportiva Borghesiana GiaDa Maccarese Settembre 2014-Maggio 2015: responsabile tecnico gruppo Esordienti (classe 2002) presso ASD Aurelia Antica Settembre 2015-Novembre 2015: responsabile tecnico gruppo Giovanissimi provinciali (classe 2002) presso ASD Sporting Tanas Settembre 2015 ad oggi: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, I categoria Ottobre 2015 ad oggi: responsabile tecnico Juniores regionale ASD Virtus Fenice<

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome