Rischio Obesità in Italia: Quanti sono gli italiani che praticano sport per ridurre il rischio?

Negli ultimi anni ci siamo trovati costretti a combattere con una crescente percentuale di bambini e adolescenti in sovrappeso o addirittura obesi. Come abbiamo detto più volte su questo sito, come si legge su riviste che trattano sport, articoli scientifici e spesso sui quotidiani più affermati, questo problema è legato ad errate abitudini alimentari che stanno prendendo il sopravvento sulla nostra amata dieta mediterranea, ma anche ad una bassa percentuale di ore dedicate allo sport.

È vero che negli ultimi 17 anni gli italiani hanno cambiato le loro abitudini, forse grazie alla sensibilizzazione verso l’insorgere di determinate malattie, forse grazie al fatto che la nostra sta diventando una società in cui l’immagine è sempre più importante e quindi dobbiamo apparire tutti “sani e belli” (grazie anche alla crescente importanza di social quale Instagram), sicuramente grazie anche alla crescente concorrenza tra centri fitness che ha abbassato notevolmente i prezzi del settore, facendo diventare quasi ogni sport “alla portata” di tutti. Infatti, la percentuale di persone che dichiara di praticare attività sportiva in modo continuativo sopra i 3 anni è pari al 24,4%, mentre il 9,8% in modo saltuari secondo quanto dichiarato ad ISTAT.

Tra gli 11 ed i 14 anni vi è il “picco” massimo di praticanti, ovvero circa il 70% pratica sport, ma questa percentuale tende a diminuire con l’avanzare degli anni. Questo sicuramente è legato al crescente impegno scolastico, alla voglia dei ragazzi di dedicare il proprio tempo libero ai “rapporti” piuttosto che al sacrificio sportivo. Non c’è la voglia di prendere un impegno stabile con un gruppo.
Continuando ad analizzare i dati ISTAT emerge che a praticare più sport sono i laureati (51% circa), mentre chi ha un titolo di studio più basso è impegnato in attività sportive in percentuale nettamente minore (circa 7%). Questo dato potrebbe essere legato anche ai lavori praticati: ovviamente più un lavoro è faticoso meno tempo lascia a disposizione dello sport.

A questi dati che possiamo definire parzialmente positivi, se ne uniscono altri preoccupanti. Infatti, il 39,1% della popolazione dichiara di non fare sport (la percentuale aumenta se prendiamo in esame la fascia d’età sopra i 65 anni). Tra gli adolescenti cresce l’abbandono precoce, soprattutto nelle ragazze, perché non si diventa campioni o per lasciar spazio ad altri interessi (come suddetto).

Purtroppo, questo ci porta verso un risultato che non possiamo definire affatto soddisfacente: ovvero i nostri bambini (lo studio che citiamo ha preso in questione bambini tra i 6 ed i 10 anni) sono i più obesi d’Europa. Infatti, se il 42% dei nostri maschietti è obeso o in sovrappeso, solo Cipro ci “supera” in questa speciale classifica, con il 43%; mentre per quanto riguarda le femminucce tocchiamo il 38%. E nonostante tutto in Italia è diminuita la percentuale del problema.

Questi dati dovrebbero comunque sensibilizzare ogni genitore verso lo sport ed una corretta alimentazione, al fine di evitare l’insorgere di patologie e malattie che possono condizionare la vita e le esperienze di una persona.

Anteprima articoloAnalisi sul calcio giovanile: intervista a Francesco Florio, fondatore della DF Academy
Prossimo ArticoloLa filosofia del Vis Aurelia Calcio
Nato a Roma, l? 5 luglio 1988. Laurea in Scienze Motorie, conseguita nel marzo 2015, con la tesi "Il ginocchio varo e valgo nel calcio" Esperienze professionali da redattore:? Marzo-Settembre 2012: redattore presso Romagiallorossa.it Settembre 2012-Gennaio 2014: redattore presso GazzettaGialloRossa.it Settembre 2012-Aprile 2013: speaker radiofonico presso RadioPowerStation.com, trasmissione "Per questa maglia storica"? Aprile-Settembre 2013: caporedattore GazzettaAltriSport.it Esperienze professionali sportive:? 2007-2008: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso Tiber Nuoto 2008-2012: istruttore di nuoto ed assistente bagnanti presso CSI Roma FlaminioAgosto-Novembre 2013: preparatore atletico ASD GiaDa Maccarese, serie D Agosto-Dicembre 2013: preparatore atletico ASD Cortina, serie C2 - calcio a 5 Gennaio-Maggio 2014: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, Promozione laziale Agosto 2014: preparatore atletico presso Polisportiva Borghesiana GiaDa Maccarese Settembre 2014-Maggio 2015: responsabile tecnico gruppo Esordienti (classe 2002) presso ASD Aurelia Antica Settembre 2015-Novembre 2015: responsabile tecnico gruppo Giovanissimi provinciali (classe 2002) presso ASD Sporting Tanas Settembre 2015 ad oggi: preparatore atletico e collaboratore tecnico presso ASD Casalotti, I categoria Ottobre 2015 ad oggi: responsabile tecnico Juniores regionale ASD Virtus Fenice<

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome